Taraxacum officinalis



Taraxacum officinalis.     ( soffiòn, tale, pissacan,) fam ( asteraceae ) 

Piante che non era conosciuta nell’antichità, difatti le sue prime notizie risalgono sembra al 1546 quando Bock lo descrive come un buon diuretico,poi si ritrovano notizie nel XVI secolo quando un medico forse farmacista Tedesco lo descrive come piantina dalle virtù massime,naturalmente in campo medico non veniva usato assolutamente,però a detta del popolo molta gente ne traeva benefici. Solo nel XX secolo venne riscoperto è studiato, addirittura venne riconosciuta la tarassaco terapia, piantina dalle molteplici  proprietà , è ricca di Sali minerali, ha proprietà lassative come diuretiche non da meno depurative  la si può trovare quasi tutto l’anno,dal mare ad oltre i 1500 metri di altitudine una attenzione va rivolta nei mesi estivi in quanto produce un lattice alquanto caustico. Ne esistono diverse specie di taraxacum  nane, alte, verde chiaro,scuro con foglie più o meno allungate ,ovalizzate strette , larghe ecc.ecc. Però sempre inconfondibile il suo portamento .Prima che spunti la primavera lui già nasce e si fa un primo raccolto, con le foglioline fresche in questo stadio poco amare,ottime in insalata assieme al radicchietto, all’insalatina,alle foglie ed i fiori delle viole, delle primule e delle margherite con magari alcune foglie di sclopìt ( Silene vulgaris)  poi con i  suoi bottoni floreali allo stato embrionale si ricavano i
( capperi Friulani), mantenuti sotto sale od in soluzione acetificata ed agrodolce, la parte fogliare lessata in acqua abbondante come contorno, con i petali dei fiori stratificati con lo zucchero si produce uno pseudo miele, oppure sempre con i fiori un ottimo vino, non da meno le radici  dopo lavate,pelate ed essiccate, quindi tostate e macinate, fornivano un succedaneo del caffè certamente fatto in tempo di guerra.
 Senz’altro il fine inverno è il momento ideale per la raccolta del tarassaco da mettere via in agrodolce o sott’olio.

Tarassaco
Taraxsacum dens leonis  ( cuore basale)


Bottoni floreali

Taraxsacum officinalis  ( con bottoni floreali )