Legge reg. 34/81 e Regolamento attuattivo

Fatto pervenire dall'amico Alfredo Pergolini che gentilmente ha concesso la divulgazione
 
La Legge Reg 34/81, norme per la tutela della flora protetta e flora raccoglibile nella nostra Regione, è stata abrogata e sostituita dalla  
 
Legge Regionale 23 aprile 2007, n. 9 ”” norme in materia di risorse forestali.
Regolamenta dal DPR 20 marzo 2009, num 074/Pres. 


Vediamo cosa è cambiato:
 
Art. 5  comma 1  Raccolta della flora nel rispetto di tradizioni, usi e costumi locali, è consentita fino ad un quantitativo massimo  giornaliero, per persona, di 1 Kg di piante o parti di esse appartenenti a ciascun genere o specie della flora  spontanea di cui 
all’allegato  C:
 
a. Allium ursinum L. subsp. ursinum (Aglio orsino) 
b. Arnica montana L. subsp. montana (Arnica) 
c. Aruncus vulgaris Rafin (Barba di capra) 
d. Asparagus officinalis L. subsp. officinalis, A. acutifolius L., A. tenuifolius Lam. (Asparago selvatico) 
e. Cicerbita alpina (L.) Wallr. (Lattuga alpina) 
f. Equisetum  spp. (Equiseto o Coda cavallina) 
g. Fragaria  spp. (Fragola) 
h. Galium odoratum (L.) Scop. (Stellina odorosa, Caglio odoroso) 
i. Galium mollugo (aggr.) (Caglio bianco) 
j. Humulus lupulus L. (Luppolo) 
k. Melissa officinalis L. (Melissa) 
l. Mentha spp. L. (Menta) 
m. Nasturtium officinale R.Br. subsp. officinale (Crescione) 
n. Origanum vulgare L. (Origano) 
o. Papaver rhoeas L. (Papavero) 
p. Ruscus aculeatus L. (Pungitopo) 
q. Ruta divaricata Ten. (Ruta) 
r. Symphytum officinale L. (Consolida maggiore) 
s. Tamus communis L. (Tamaro) 
t. Tragopogon pratensis L. (Barba di becco) 
u. Vaccinium vitis - idaea L. (Mirtillo rosso) 
v. Vaccinium myrtillus L. (Mirtillo nero) 
w. Valerianella olitoria L. Poll. (Gallinelle, lattughini
 
In totale ci sono circa 32 piante fra generi e specie che si possono raccogliere non tutte sono piante alimentari, ma secondo le tradizioni e usi nella nostra Regione in pratica avremmo all’interno 3 piante che non sono alimentari come l’Arnica b), la Ruta q), la Gallium odoratum = Stellina odorosa  h), che non si può dire che si mangino queste piante.
 
Sempre all’ Art. 5  comma2   nel rispetto di tradizioni, usi e costumi locali, è consentita la raccolta fino ad un quantitativo massimo  giornaliero, per persona, di 3 Kg di piante o parti di esse appartenenti a ciascun genere o specie della flora  spontanea di cui    
 All.D (sono 9 le piante richiamate):
 
b. Hippophae rhamnoides L. (Olivello spinoso) 
c. Rosa canina (aggr.) (Rosa selvatica) 
d. Rubus idaeus L. (Lampone) 
e. Rubus fruticosus (aggr.) (Mora di rovo) 
f. Silene vulgaris (Moench) Garcke s.l. (Bobbolini, Strigoli) 
g. Taraxacum officinale (aggr.) (Dente di Leone) 
h. Urtica dioica L. (Ortica) 
i. Sambucus nigra L. (Sambuco nero )