Alla scoperta dei funghi in primavera

Sabato 6 aprile 2013

Messaggero Veneto

a cussignacco
Alla scoperta dei funghi in primavera

Doppio appuntamento con l'associazione “Micologia e botanica udinese” alla scoperta del mondo dei funghi. Il primo incontro è per mercoledì 10, alle 20.30, nella sede della quinta circoscrizione a...

Doppio appuntamento con l'associazione “Micologia e botanica udinese” alla scoperta del mondo dei funghi. Il primo incontro è per mercoledì 10, alle 20.30, nella sede della quinta circoscrizione a Cussignacco, con il micologo Maurizio Piccinin che parlerà di “Altri boleti”. Per l'occasione sarà allestita una mostra delle specie appartenenti al genere Boletus presenti in Friuli, una categoria generalmente poco conosciuta e trascurata. Si passerà poi dalla teoria alla pratica, il 21 aprile, alle 12, nella “Baita” di Chialminis dove ci sarà la seconda determinazione di piante, fiori, funghi ed erbe spontanee. Il ritrovo è fissato per le 8.30 in piazza a Nimis per un'escursione e quindi una degustazione su prenotazione.

«Contrariamente a quanto si pensa – dice il segretario dell'associazione Vincenzo Gomma – la stagione dei funghi dura tutto l'anno. Naturalmente in autunno ci sono a disposizione una varietà e una quantità maggiore, ma anche adesso si può andare a caccia di funghi primaverili».

In Friuli Venezia Giulia esiste un limite giornaliero di raccolta di 3 chilogrammi a persona, è necessaria un'autorizzazione e bisogna versare una quota a seconda della zona in cui si intende andare a funghi. «Durante i nostri incontri – dice Gomma – forniamo tutti gli strumenti necessari per poter raccogliere i funghi. Spieghiamo quali sono le specie velenose, quelle commestibili e inoltre suggeriamo come cucinarli e come conservarli, in modo che gli interessati possano avvicinarsi al mondo micologico in sicurezza».

Sono circa una quarantina le persone che ruotano attorno all'associazione e si riuniscono dalle 19.30 alle 21.30 ogni primo e terzo mercoledì del mese a Cussignacco per studiare l'argomento. Per informazioni e iscrizioni scrivere a: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure telefonare al numero 349 1368516.

Ilaria Gianfagna

Articolo originale